Tinnura e i Murales di Pina Monne

murales a tinnura di Pina monne“Tutti i sardi e i continentali si fermino a Tinnura ad ammirare le piazze, le fontane e i murales che non vi dimenticherete mai. P.F.M”

 

Tinnura con appena 272 abitanti, appartiene alla provincia di Oristano nell’antica regione della Planargia.
Ricca di bellezze naturali e culturali, la piccola comunità di Tinnura si trova nascosta nell’entroterra sardo, ma dista solo pochi km Bosa e Bosa Marina.

Il comune di Tinnura è unito senza interruzione con quello di Flussio, comune col quale condivide la via principale e nelle mappe stradali corrisponde alla Strada Statale 292.

Tinnura è ben lontana dai consueti itinerari turistici, ma una visita in questa piccola comunità sarda renderà la vostra permanenza in Sardegna ancora più magica.

Infatti, tutto il centro abitato è caratterizzato da numerosi Murales, un vero e proprio museo a cielo aperto, dove le pareti esterne delle case sono impreziosite da bellissimi ed enormi dipinti raffiguranti scene di vita quotidiana e attività folkloristiche che sembrano prender vita davanti ai vostri occhi.
Il pane fatto in casa, la vita nei campi, le donne che confezionano cestini, una chiacchierata sull’uscio di casa, i riti religiosi, le maschere folkloristiche …tutti ambienti riprodotti nei minimi dettagli, in un realismo impressionabile.

La maggior parte dei murales a Tinnura sono firmati  dalla giovane e talentuosa muralista sarda Pina Monne, che dopo la realizzazione dei murales a Tinnura, continua a ricevere commissioni da tutta la Sardegna per valorizzare quei luoghi e quei piccoli borghi rimasti fuori dalle comuni rotte turistiche, realizzando ben oltre 400 Murales su e giù per la Sardegna.
Oltre a Pina Monne altri artisti hanno contribuito alla realizzazione dei murales a Tinnura come Fernando Mussone (che nel 2003 ha dipinto il bellissimo murales dei “Boes e Merdule di Ottana”), Gian Battista Loi o Angelo Pilloni.

 

E per una sosta durante le calde giornate estive? Da non perdere la bellissima fontana dello Zodiaco, dove sono rappresentati tutti i segni zodiacali che fanno sgorgare l’acqua in una vasca sottostante, e la Piazza del Sole, dove, al centro di una fontana rotonda, sorge un monumento di donna rappresentante una lavoratrice d’asfodelo.

 

 

Trascorsi  un intero pomeriggio a Tinnura, fotografando e ammirando  i bellissimi murales, sotto il sole cuocente di luglio,  ma fui solo di passaggio e vi assicuro che un pomeriggio non basta.

Manuela Seu


Vuoi leggere ancora qualcuno dei miei post?

  • Orgosolo, paese dei Murales4 novembre 2011 Orgosolo, paese dei Murales Simbolo della Barbagia, Orgosolo è un centro particolarmente rappresentativo della realtà sociale...
  • Armungia, archeologia e arte sarda21 febbraio 2012 Armungia, archeologia e arte sarda Armungia  sorge su una collina a 365 metri sul livello del mare. Dista circa 65km da Cagliari e 3...
  • Gallery, murales a Fonni.5 novembre 2012 Gallery, murales a Fonni. Bellissimi e coloratissimi, i murales di Fonni raccontano le antiche tradizioni locali,  le usanz...

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Shortlink:

Posted by on 3 luglio 2012. Filed under Murales in Sardegna, tempo libero. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

One Response to Tinnura e i Murales di Pina Monne

  1. Mary85

    Bellissimo articolo! Da anni vengo in Sardegna per le vacanze estive e non sono mai stata a Tinnura, ma dopo queste immmagini credo proprio che andro’ anche io ad ammirare questi splendidi Murales.

Leave a Response

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>