La leggenda del Castello e della Dama di Quirra

Ci sono molte storie che ruotano attorno al Castello di Quirra ma la più misteriosa rimane comunque quella che vede come protagonista
Donna Violante Carroz, figura mitica nella storia del castello.

I racconti descrivono la donna, conosciuta anche come “la sanguinaria”, avida e assassina a seguito della linea dura adottata per fronteggiare i suoi sudditi.

Vissuta tra il 1450 e i primi anni del 1500 venne nominata Contessa del Castello di Quirra a soli 13 anni; destino triste e solitario avvolge l’intera esistenza della donna tanto che la sua morte è  ancora oggi un mistero.

Nel 1508  si innamora di Berengario Batroz che la porterà a chiedere l’annullamento del suo terzo matrimonio.

Il parroco di Quirra, Giovanni Castangia, contrario alla relazione, tentò di dissuaderla e si rifiutò di aiutarla.

Per protesta contro la chiesa Donna Violante lo fece catturare e impiccare per tradimento. Il corpo senza vita del parroco penzolò per due settimane da una finestra del castello di San Michele a Cagliari come segno di avvertimento per chiunque avesse sfidato il suo grande e potente casato.

Castello di Quirra a VillaputzuIn seguito alla scomunica inflitta dal parroco di Ales,  Donna Violante Carroz morì tra il 1509 e il 1511 per il rimorso del suo insano gesto.

La leggenda narra che Donna Violante incontrò la morte  gettandosi dal dirupo più alto del Castello di Quirra dopo aver nascosto nelle profondità della montagna un telaio d’oro.

Altre voci invece sostengono che si ritirò tra le mura del Castello di San Michele e scomparve nel nulla durante una delle sue lunghissime passeggiate.

M.S.

 

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *