Il costume tradizionale sardo

Tra le usanze isolane uno degli elementi più tipici è sicuramente  il tradizionale costume sardo, indossato con orgoglio in occasione delle feste popolari e delle principali feste religiose come ad esempio quella di Sant’ Efisio a Cagliari, la Cavalcata Sarda di Sassari o per la Sagra degli Agrumi a Muravera.

Gli ornamenti sardi sono intonati all’abito e contribuiscono a dargli maggior risalto: bottoni d’oro e d’argento, anelli, braccialetti, collane, catene ciondoli, orologi, spille e fibbie, spesso lavorati con la tecnica della filigrana.

Gli elementi tipici del costume maschile sono il berretto, la camicia, il gilet, la giacca, le ragas, i pantaloni di lino bianco, può esserci il mantello, il caratteristico gabbanu dalla tradizione pastorale e la mastruca, grosso cappotto di pelle di pecora con la lana. Spesso troviamo il collettu, ossia un mantello di cuoio che arriva alle ginocchia, aperta sul davanti e tenuta da una cintura di cuoio.

Il vestito tradizionale femminile è più sontuoso, più ricco, colorato e vario. Troviamo il velo, fermato sul capo con una spilla,  o lo scialle,  o una cappa. La camicia è sempre bianca ed il corsetto è di diversi tagli. La veste può essere con maniche aperte e permette a gli sbuffi della camicia di fuoriuscire, mentre il corpetto di diverse stoffe e colori, è pieghettata e cucita con cura.

Estremamente legati al costume tradizionale sardo,  i  gioielli d’oro, d’argento, con corallo e perle integrano l’abito e lo completano nei suoi elementi decorativi.Non mancano gli orecchini, solitamente costituiti da  corallo e oro giallo.Nell’indossare i costumi del proprio paese i Sardi mostrano un orgoglio ed una fierezza tramandati dai padri nel corso dei secoli.

Per questo motivo ogni paese cerca di trasmettere alle generazioni successive l’amore e la cura per il costume tradizionale, così che non vadano perdute con essi la peculiarità della storia locale e regionale.

Manuela Seu

Potrebbero interessarti anche...

Una risposta

  1. 6 agosto 2012

    […] la lavorazione dei metalli prezioni destinati, insieme al corallo,  ad adornare il tradizionale costume sardo. La tecnica più utilizzata è sicuramente quella della filigrana e della granulazione, che […]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *