Artigianato in Sardegna

L’Artigianato sardo è sicuramente uno degli elementi più caratteristici del Sarrabus e dei suoi abitanti.

In tutto il territorio, infatti, operano abili artigiani che con una passione antica, tramandata di generazione in generazione, modellano pezzi unici, creando veri e propri oggetti preziosi.

Tra le attività tradizionali  spicca l’artigianato artistico con i suoi laboratori tessili, la lavorazione della ceramica, e dei favolosi coltelli da collezione, quest’ultimi, prodotti da esperti maestri che utilizzano corna bovine o caprine per forgiarne i manici.

Ancora molto diffusa è la produzione di gioielli destinati ad adornare il tradizionale costume sardo, completandolo nei suoi ornamenti decorativi tra cui ritroviamo il corallo la cui qualità, secondo gli esperti, è superiore rispetto a quello raccolto nei mari di tutto il mondo.

La particolare flora presente sul territorio costituisce la base per la lavorazione dei tipici prodotti artigianali da cui si ricavano splendidi lavori ad intreccio, cesti, taglieri, maschere e strumenti musicali.

Infatti, il Sarrabus è anche la patria delle “Launeddas”, l’antico strumento musicale fatto di canne palustri il cui suono accompagna balli e danze popolari  durante le sagre e le feste paesane.

Non è quindi difficile, passeggiando per le vie del paese, di intravedere un laboratorio artigianale e poter assistere alla lavorazione degli oggetti. Sono orafi e cestinaie, ceramisti e tessitrici, fabbri-scultori e intagliatori, ricamatrici, coltellinai  le cui mani abili ed esperte, lavorano tra le mura di antiche botteghe.

Fonte dell’immagine in evidenza: flickr


Vuoi leggere ancora qualcuno dei miei post?

Potrebbero interessarti anche...

Una risposta

  1. 8 marzo 2014

    […] ottobre 2011 Artigianato in Sardegna L’Artigianato sardo è sicuramente uno degli elementi più caratteristici del Sarrabus e dei suoi […]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *